CRESCITA E SVILUPPO: BAMBINI PICCOLI

Nascosto

VACCINAZIONI

Perchè è importante vaccinare i vostri figli?

Il fine principale che abbiamo noi genitori è di far star bene I nostri bambini, farli sopravvivere. Li nutriamo, vestiamo, proteggiamo.

Se i bambini fossero esposti a tutte le malattie a cui erano esposti 50 anni fa, senza la protezione dei vaccini, farebbero la stessa fine dei bambini di allora.

Per esempio, le epidemie di difterite causavano moltissime morti, come anche la pertosse (tosse convulsa). Oggi la gente non sa cosa è la difterite, non ci sono persone con la pertosse. Non si vede più questo fenomeno perche già due generazioni sono state vaccinate e quindi questi organismi non sono più in circolo nell’ambiente, tutti sono immuni alla pertosse.

Poco tempo fa si moriva di meningite causata da meningococco, pneumococco, emofilo influenze, il morbillo, la parotite.

La rosolia uccideva, ma causava anche tanti bambini con gravi deformazioni se la madre contraeva la rosolia durante la gravidanza. Oggi questa cosa non ci sente più perchè le madri sono state vaccinate da bambine, 20-30 anni fa contro la rosolia.

Il batterio del tetano è per terra, sui chiodi arrugginiti. Se entra nella ferita di una persona non vaccinata da sintomi neurologici fino alla morte molto straziante. Quando io ero bambino si sentiva di tanti bambini che morivano di tetano.

La poliomielite deformava tanti bambini nel passato. Solo di morbillo in Italia morivano un migliaio di bambini all’anno.

 

I vaccini sono la ragione della sopravvivenza di milioni di bambini nel mondo che sarebbero invece morti di queste terribili malattie.

 

Tabella vaccini

La tabella che puoi scaricare qui sotto è quella consigliata.

I vaccini si fanno al più presto per diminuire I rischi. Fino a quando un bambino non è stato vaccinato, rischia di contrarre la malattia vera e propria.

L’unica ragione per ritardare la vaccinazione è se il bambino è molto malato (“40 di febbre”), se ha una malattia in corso importante (non un raffreddore o una malattia banale).

 

Scarica la tabella vaccini

 

Per approfondire guardate la sezione sui vaccini QUI

VITA RISCHIOSA: Pericolo incombente

Approfondimento in lavorazione.

MANGIARE: Quanto è normale? Mangia sempre le stesse cose? Mangiare solo per crescere?

Forse è proprio per la sua imprevedibilità e volubilità che il gusto di un bambino è spesso trattato dai genitori come un capriccio.

La loro paura è che, fidandosi di lui e permettendogli di regolarsi da solo, egli mangerebbe in maniera così disordinata e irrazionale da rischiare gravi carenze alimentari. Questo perché lo vedono spesso limitarsi a pochi cibi preferiti e rifiutare ostinatamente le cose nuove, soprattutto la carne, le verdure e la frutta.

Queste preoccupazioni però si basano quasi sempre su presupposti profondamente errati.

Fra questi presupposti, uno dei più fuorvianti è quello secondo il quale il bambino, per potersi nutrire bene, dovrebbe mangiare sempre una dieta “varia”. Tutti pensano infatti che, solo mangiando di tutto, il piccolo può ottenere le vitamine, le proteine e gli altri elementi essenziali per la sua nutrizione.

Ed ecco perché tentano di convincerlo (o costringerlo) a mangiare contro voglia ciò che ritengono sia giusto per lui e lo torturano talvolta per ore pur di fargli ingurgitare qualche boccone dei cibi che essi considerano essenziali. Eppure basterebbe riflettere un secondo per constatare che, se questa convinzione fosse giusta, tantissimi bambini dovrebbero essere gravemente malnutriti, visto che resistono quasi sempre strenuamente a queste pressioni e finiscono per mangiare comunque a loro modo. Per fortuna le cose non stanno così.

In realtà, anche la dieta monotona e limitata che tanti bambini preferiscono contiene tutti i nutrienti essenziali. Basta, per esempio, ricordare che nei primi mesi un piccolo cresce perfettamente nutrendosi soltanto di latte. Inoltre è importante notare che le vitamine non sono contenute soltanto nelle verdure o nella frutta. Alimenti come il latte, la pasta e le uova ne contengono ognuno in quantità sufficienti ai bisogni del bambino. Al contrario di quanto temono tanti genitori “disperati” insomma, il bambino che non mangia “mai” verdure e frutta non rischia di rimanere privo di vitamine.

Le proteine poi non sono soltanto nella carne o nel pesce, ma il latte, i cereali (pasta e riso), i legumi e le uova ne forniscono in abbondanza. Così, un bambino che non tocca mai carne o pesce, ottiene comunque la sua dose di proteine anche solo dalla pizza, dal latte, dalle uova e dai fagioli, o viceversa.

Ma vorrei fare un’altra considerazione per darvi un’idea di quanto sia assurda la lotta che molti genitori combattono per costringere i propri figli a mangiare una dieta “varia”. È incontestabile che il senso del gusto sia l’unico strumento che la natura ha dato al piccolo per orientarlo nella scelta degli alimenti. È attraverso il gusto, per esempio, che egli “sa” di non dover mangiare il legno o la gomma e sceglie sostanze molto più adatte a nutrire il suo organismo. Se un istinto di questa importanza fosse veramente così poco affidabile come tanti adulti sembrano ritenere, come avrebbe mai potuto la specie umana sopravvivere così a lungo?

Sospetto però che il mio discorso, per quanto convincente, lasci comunque in sospeso una domanda. Il fatto che il gusto sia un istinto così importante significa che il bambino non può e non deve essere educato nella sua alimentazione? La risposta è che, come tutti possiamo costatare dall’esperienza, il gusto si può educare e come. In realtà, il complesso di cibi che ciascuna persona arriva a mangiare da adulto dipende in gran parte delle influenze dell’ambiente familiare. I sapori che gli vengono proposti fin dai primi assaggi, l’esempio dei genitori e il tipo di cucina della cultura in cui vive sono essenziali nello stabilirsi delle sue preferenze alimentari permanenti.

Tuttavia l’educazione può mostrare i suoi effetti solo col passare degli anni. E, al contrario più di quanti sembrano credere, a lungo andare l’educazione è tanto più efficace, quanto più rispetta i desideri e i ritmi del piccolo. Bisogna saper aspettare insomma. La famosa “dieta varia” infatti per moltissimi bambini comincia a diventare una realtà soltanto dopo anni e anni di vita con i genitori, magari solo alle soglie dell’età adulta.

ADDESTRAMENTO PER L’USO DEL BAGNO

Approfondimento in lavorazione.

ABITUDINI DI SONNO

Approfondimento in lavorazione.

LINGUAGGIO: Parla poco? Mi devo preoccupare?

Approfondimento in lavorazione.

APPARECCHI ELETTRONICI: Quanto servono per imparare e quando diventano dannosi?

Approfondimento in lavorazione.

RELAZIONE CON LA FAMIGLIA: Come gestire i suoi comportamenti tenendo in mente gli obiettivi giusti?

Approfondimento in lavorazione.